bolle

Considerazioni da lettino in spiaggia

06/08/2017 , In: MAMMA , With: No Comments
0

Siamo tornati al mare dopo un paio di settimane di latitanza.

E che ritorno, gente!

In questo primo week end di agosto sono affiancata sia da Lui che da mia cognata.

Capite cosa vuol dire?

Per esempio che mi sono seduta sul lettino!

Quel lettino in prima fila per il quale paghiamo una fucilata e che fino ad ora è stato una specie di miraggio… lo vedi, un po’ tremolante per il caldo, ma non lo raggiungi mai.

Sì, perché le sue uniche funzioni sono:

  • garantire quei 30 cm di distanza di sicurezza dei BAMBINI dall’infida sabbia durante le operazioni di incrematura
  • far sedere i BAMBINI per mangiare la frutta che la mamma, diligentemente, prepara per metà mattina 
  • tenere i BAMBINI all’ombra per la pennica post-pranzo 

Ok, i bambini… ma LA MAMMA?

No, niente da fare, non è pensato per la mamma.

A parte che per quella del bimbo di pochi mesi dell’ombrellone a fianco e che si è portata mamma e suocera per farsi dare una mano… sai mai che una non basti.

Sì, mi sono seduta, anzi sdraiata e non ho dovuto tenere gli occhi costantemente puntati sui 4 biondi.

Che cosa guarda, se i figli sono piazzati, una mamma in spiaggia che non si è portata un libro perché i tempi in cui poteva leggere in spiaggia sono così lontani che mi commuovo solo al pensiero?

Il bagnino, direte voi.

No. Mannaggia a me…

Quelle dannate ventenni con fisico antigravitazionale, perizoma e pearcing all’ombelico!

Non avrei mai pensato di dire una cosa del genere!

Non avrei neanche mai pensato di pensarla… merda e l’ho pure scritta!

Ma ieri ero io, per Diana, una di quelle ventenni (perizoma a parte)!

Il trentesimo anno esatto ha coinciso con la prima gravidanza, che ha coinciso con la fine dell’antigravitazionalità, la scomparsa totale post allattamento delle tette, la pancetta molliccia, l’ombelico che pare un Picasso.

Non è che il fisico si sia disfato completamente; per aver avuto due gravidanze gemellari in due anni, sono ancora in forma… è che prima non era necessario aggiungere “per aver avuto due gravidanze gemellari in due anni”. Ero in forma e basta!

Devo trovare il modo di tornare a fare sport!

Se non sbaglio era tra i buoni propositi per il 2015… e il 2016… e il 2017.

Va beh, lasciamo questo lettino che evidentemente non fa per me nemmeno quando ho qualcuno che mi tiene i bambini.

 

There are no comments yet. Be the first to comment.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao! Dietro a “se non ora quattro” ci sono io, Marianna.
Milanese di nascita, austriaca di adozione e da poco di stanza a Treviso.
Architetto convertito momentaneamente (?) a mamma a tempo pieno, entusiasta e gran disordinata, con un passato da sportiva e un presente da funambola tra bimbi, casa e la ricerca di equilibri.

follow me on:

Follow

Calendario Post

Gennaio: 2019
L M M G V S D
« Dic    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Ricerca per categorie

Ricerca per data di pubblicazione

latest from Instagram